Le Silenziose

Imparai da chi​ di A. Porrino

Imparai da chi​

Da chi non mi volle
imparai ad accogliere
da chi non mi amò
imparai ad amare
da chi mi rifiutò
imparai la generosità
da chi non mi diede
imparai l’altruismo
da chi non si diede
imparai l’offerta
da chi usò l’illecito
imparai l’integrità
da chi mi truffò
imparai la correttezza
da chi non si pentì
imparai la genuflessione
da chi mi sfreggiò
imparai a sorridermi allo specchio
da chi si allargò
imparai a stare bene anche in un angolo
da chi mi rincorse
imparai a stare ferma
da chi mi insultò
imparai a sorridere
da chi mi imprecò
imparai la preghiera
da chi mi fece piangere
imparai a ridere
da chi fu sgraziato
imparai la gentilezza

da chi invase
imparai a dire permesso
da chi pretese
imparai a dire grazie
da chi mi trattò con trivialità
imparai a dire scusa
da chi mi fece sentire misera
imparai la ricchezza del tempo
da chi non mi chiese perdono
imparai l’abbraccio
da chi non parlò
imparai le parole giuste
da chi non mi vide
imparai a guardare le formiche
da chi non mi ascoltò
imparai l’armonia del cinguettio
da chi mi ignorò
imparai l’attenzione
da chi mi derubò
imparai la legalità
da chi mi mentì
imparai il valore della verità
da chi pretendeva d’imbruttirmi
imparai a vedere la bellezza in ogni essere
da chi mi zittì
imparai a cantare
da chi mi usò scorrettezza
imparai il galateo
da chi distruggeva ogni mia cosa
imparai l’arte del collage
da chi legittimò i libertinaggi
imparai i limiti

da chi mi ha tradita
imparai la fedeltà
da chi mi impoverì
imparai il gusto del pane duro
da chi mi escluse
imparai la pluralità
da chi mi circondò
imparai a volare
da chi mi sfruttò
imparai il rispetto
da chi mi violentò
imparai ad accarezzare
da chi complottò
imparai il valore della singolarità
da chi mi rabbuiò
imparai a godere dell’alba
da chi mi immiserì
imparai la ricchezza del centesimo
da chi ha recitato
imparai a calpestare le maschere
da chi mi puntò il fucile
imparai la pace
da chi pretese di farmi sentire piccola
imparai a non avere vertigini
da chi mi rincorse
imparai a non avere fretta
da chi mi strinse il collo
imparai a slacciare i ganci
da chi mi agguantò
imparai a saltare
da chi mi sputò
imparai la buona cucina

da chi pronunciò volgarità
imparai il giusto lessico
da chi mi ammanettò
imparai come restare libera
da chi mi bombardò
imparai la tregua
da chi si infuriò
imparai la quiete
da chi mi urlò
imparai il silenzio
da chi scappava
imparai la presenza
da chi mi offendeva
imparai i complimenti
da chi è stato ingiusto
imparai come si usa l’ago della bilancia
da chi mi ha spezzata
imparai a rialzarmi intatta
da chi mi ha reso pesante la vita
imparai la leggerezza del volo
da chi mi ha urlato chiasso
imparai ad allontanare i rumori
da chi mi imprigionò
imparai l’attesa della fuga.
Da chi mi fece tutto questo
imparai l’arte dello scarto,
fuori rimasi soltanto io
che avevo imparato tutto questo.

Roma 19 aprile 2018 ore 15,05
In libreria sfogliando un libro sul riordino della casa
ferma alla voce
– buttare senza rimpianti quello che non serve –

Torna su